Tecnologia RFID, perché scegliere la Low Frequency? 

Nella tecnologia RFID passiva, il tag riceve l’energia dal segnale proveniente dal sistema di lettura, a una distanza limitata; tale tecnologia funziona su tre gruppi di frequenze differenti:

Low Frequency – LF (125-134 kHz)
High Frequency – HF (13,56 MHz)
Ultra High Frequency – UHF (868 MHz)

In particolare, la frequenza LF 125-134 hKz, che si trova nella parte più bassa dello spettro di radiofrequenza, è stata la prima ad essere impiegata per l’identificazione automatica e la memorizzazione di informazioni relative a oggetti e animali; la sua presenza sul mercato è tuttora molto significativa.  


Bassa frequenza: le caratteristiche  

Sebbene i tag per la Low Frequency siano generalmente più costosi di quelli usati per le altre frequenze, il prezzo maggiore è bilanciato dalle caratteristiche uniche di tale tecnologia. I motivi che determinano la scelta della frequenza 125-134 kHz sono molteplici:  

Campo magnetico ben definito 
Tra le caratteristiche principali della LF c’è la definizione del campo magnetico, che non presenta dispersioni, modulazioni o rifrazioni.  

Buon funzionamento in presenza di metalli 
Frequenze più alte sono maggiormente ostacolate dal metallo, mentre la bassa frequenza funziona bene anche nelle vicinanze di quest’ultimo. Il tag RFID può essere letto nei pressi del metallo o sopra di esso, dal momento che il segnale emesso dal lettore non è in grado di attraversarlo. 

Buona capacità del segnale di attraversare i materiali
Il segnale in Low Frequency riesce ad attraversare qualsiasi tipo di materiale, escluso il metallo, che non può essere attraversato da nessun tipo di frequenza. 

Scarsa influenza dei liquidi 
Un limite della tecnologia a radiofrequenza è la sua incapacità di funzionare in presenza di liquidi; la Low Frequency 125-134 kHz, invece, è scarsamente influenzata dai liquidi. 

Bassa velocità di lettura/scrittura del tag, che rende possibili letture di precisione 
Nella bassa frequenza, la lettura e la scrittura del tag hanno una velocità ridotta: per questo motivo, la LF 125-134 kHz è utilizzabile nel caso in cui siano necessarie letture di precisione. 

Distanza di lettura inferiore a 30 cm
Per i reader che leggono i tag 125 kHz, la distanza di lettura non può essere superiore ai 30 cm, una caratteristica che rende la bassa frequenza particolarmente indicata per le letture di prossimità, a 10-15 cm di distanza.  


Low Frequency 125-134 kHz: esempi di applicazione 

Le applicazioni della tecnologia RFID a 125-134 kHz sono numerose. Ecco alcuni esempi: 

Controllo accessi
Nel controllo accessi (aziende, tornelli delle stazioni, sbarre dei parcheggi, apricancelli elettrici) è diffuso l’uso dei badge contactless, tessere plastificate contenenti un chip 125 kHz: la lettura è effettuata avvicinando la card RFID al reader e determina l’apertura del tornello. Il badge è rilevato a pochi centimetri di distanza e il sistema garantisce una lettura performante.  

 

Tracciabilità di animali domestici e da allevamento
La Low Frequency 134 kHz è la tecnologia standard adoperata per l’identificazione degli animali domestici (obbligatoria per i cani) e da allevamento (mucche, maiali, cavalli, ecc.). La scelta della bassa frequenza è dovuta al fatto che essa non è influenzata dai liquidi – il corpo degli animali, come quello umano, infatti, è composto da acqua in percentuali elevate. Il tag 134 kHz viene fatto ingerire dal veterinario all’animale insieme al cibo, iniettato oppure inserito sottocute.  

Immobilizer per i veicoli
L’immobilizzatore elettronico è un sistema antifurto che impedisce che il veicolo (automobile, moto, scooter, camion) si metta in moto se la chiave inserita non è quella giusta. La chiave contiene un chip a bassa frequenza dotato di un codice che viene letto dall’antenna posta sul blocchetto di accensione, consentendo l’avviamento dell’auto o delle altre tipologie di veicolo.  

Apertura delle serrature 
Le card diffuse negli alberghi per entrare in camera e accendere le luci, così come i badge per la palestra, contengono un chip 125 kHz. Nell’ambito ricreativo – per esempio per l’accesso alle giostre nei parchi giochi – sono diffusi i portachiavi key fob, contenenti anch’essi un tag 125 kHz; la stessa tipologia di portachiavi è presente, ancora, all’interno degli uffici, per prelevare alimenti o bevande dalle macchine di distribuzione automatica.  

 

Raccolta differenziata dei rifiuti
In alcuni comuni che applicano la tariffa puntuale dei rifiuti – nella quale la parte variabile è calcolata in base alla quantità di indifferenziato conferito dall’utente –, questi vengono raccolti all’interno di cassonetti ad accesso controllato. Il cassone si apre inserendo un badge dotato di un tag RFID a bassa frequenza, che consente di identificare le utenze. 

Applicazioni industriali
Siccome il metallo e i liquidi hanno una scarsa influenza sulla Low Frequency, questo tipo di tecnologia è impiegata in ambito industriale per l’identificazione di oggetti in metallo o contenenti liquidi; altre applicazioni industriali riguardano i processi automatizzati di produzione, l’individuazione di interferenze dai monitor e dalle installazioni industriali.  

Iscrizione Newsletter

Iscrizione Newsletter

Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere in tempo reale le ultime novità.

Privacy

Abbiamo ricevuto la tua richiesta di iscrizione e ti abbiamo inviato una e-mail all'indirizzo che ci hai indicato (se non la ricevi, prova a controllare la tua cartella di spam). Clicca sul link all'interno dell'e-mail per attivare la tua registrazione.

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per mostrarti mappe e video di Google. Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e quelli di terze parti (Google, Youtube). Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore, se non li abiliterai non potrai vedere alcuni video e mappe di Google. INFORMATIVA PRIVACY